Eccellenza Toscana, ci sono buone probabilità per la ripresa

Svoltasi oggi la riunione la riunione online tra il presidente Mangini e le 36 società

Di Francesco Benincasa

Eccellenza Toscana, ci sono buone probabilità per la ripresa

L'Eccellenza Toscana potrebbe tornare a giocare. Due sono i punti fondamentali di questa novità. 

La LND proporrà alla federazione di considerare il campionato di Eccellenza come un campionato ad interesse nazionale anziché regionale. Qualora la federazione accettasse questa proposta, le società non dovrebbero aspettare la scadenza dell'attuale D.P.C.M. per tornare in campo. 
Chiaramente a questo punto verrebbero adottati gli stessi protocolli della Serie D, con le squadre che dovrebbero sottoporsi a tamponi settimanali (con un costo di 9,50€ a tampone, grazie alle convezioni adottate dalla LND per la Serie D), con la possibilità di continuare a giocare ed allenarsi fino ad un massimo di tre giocatori positivi a covid.

Il secondo punto fondamentale è emerso dalla riunione di oggi tra il presidente Mangini e le 36 società toscane, dove 30 società su 36 sarebbero disposte a ripartire (In Umbria la maggior parte delle società ha votato per il no), il numero di queste società potrebbe scendere lievemente in quanto alcune hanno detto si con la condizione della presenza del pubblico negli stadi (cosa al quanto improbabile fino alla prossima stagione). 
A favorire la ripartenza dell'Eccellenza è stato anche il ministro Spadafora che, proprio in questi giorni, ha detto che anche lo stato stanzierà degli aiuti economici per far si che le società possano attuare i protocolli di sicurezza.

Tutto verrà deciso entro il 5-6 Febbraio e, se il campionato in Toscana riuscisse a riprendere entro metà Marzo, riuscirebbe a finire senza il cambio di format, quindi con andata e ritorno, senza però play-off e play-out.

25/01/2021 21:32